Stampa e digitale: l’integrazione possibile. Se n’è parlato oggi a Wan-Ifra Italia

Sono ripresi stamattina a Padova i lavori di Wan-Ifra Italia 2014. In apertura Pierangela Fiorani, direttore responsabile dei quotidiani veneti del Gruppo Espresso-Finegil, ha sottolineato come sia “necessario continuare a sperimentare tutti i modi per fornire informazione di qualità ai lettori, pur nella consapevolezza che la carta rimarrà ancora per molti anni la base dell’attività editoriale”.

Pierangela Fiorani

Pierangela Fiorani

Una panoramica dei trend italiani ed internazionali dell’industria editoriale è stata tracciata da Sergio Vitelli, segretario dell’Asig, e Sergio de Oliveira, director of exhibitions di Wan-Ifra, dalla quale è emerso come al calo dei ricavi dell’editoria tradizionale non corrisponda un incremento di pari misura dei nuovi canali digitali. Occorre pertanto continuare a sperimentare, senza tuttavia dimenticare che ad oggi ben oltre il 90% dei ricavi deriva dai prodotti cartacei.

Le relazioni che si sono susseguite, coordinate da Alberto Borgarelli, direttore tecnico de Il Sole 24 Ore, hanno messo in evidenza diverse esperienze di successo che sono riuscite ad individuare nuove modalità per raggiungere i potenziali consumatori. Sono intervenuti Alessandro Belloli (Avvenire), Guido Ottaviani (Media Progetti), Anna Matteo (Edicola Italiana), Dario Martelli (Askanews).

L’intervento di Giovanna Maggioni di Upa ha delineato un quadro aggiornato del mercato pubblicitario italiano e mondiale e dei trend che ne emergono, tra i quali il più importante è forse l’esigenza di coinvolgere gli investitori pubblicitari in strategie di comunicazione integrate.

La conferenza si è conclusa con una tavola rotonda coordinata da Massimo Martellini, presidente Fcp e amministratore delegato Sport Network – alla quale hanno partecipato Marco Cancelliere (Hearst Magazine Italia), Massimo Colombo (Publikompass), Domenico Iappolo (Class Editori), Ivan Ranza (Gruppo 24 Ore), Paolo Salvaderi (Mediamond Div. Stampa e Radio) e Raimondo Zanaboni (Rcs MediaGroup) – in cui è stato affrontato il tema della global audience e delle opportunità che nuovi prodotti e servizi digitali offrono al mercato pubblicitario.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid, Malagò: la Fisi chiederà il rinvio al 2022 dei Mondiali di sci a Cortina. Il calcio? Serve piano B

Covid, Malagò: la Fisi chiederà il rinvio al 2022 dei Mondiali di sci a Cortina. Il calcio? Serve piano B

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

<strong> Venerdì 22 e Sabato 23 maggio </strong> Vince Rai con Felicia Impastato e Amadeus

Venerdì 22 e Sabato 23 maggio Vince Rai con Felicia Impastato e Amadeus