‘Per la fiction la grande novità’ è oggi rappresentata dal web e dalla multimedialità’: così Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction

(AGI) “Il servizio pubblico non puo’ delegare l’innovazione alle televisioni a pagamento o ai nuovi operatori on demand, ma deve trovare la sua particolare strada per incontrare il gusto delle generazioni piu’ giovani”. Lo ha detto, intervenendo al Prix Italia in corso a Torino, Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction. “Da due anni, Rai Fiction – ha aggiunto – sta lavorando per ringiovanire il pubblico di Rai Uno e per la prima volta nell’ultima stagione primaverile la media dell’eta’ del pubblico della fiction della prima Rete si e’ abbassata di 4 anni rispetto alla stagione precedente, un dato senza precedenti anche a livello europeo. Stiamo poi gradualmente riportando la produzione su Rai2 e su Rai3 dove e’ piu’ facile che l’innovazione proceda rapidamente e si assumano maggiori rischi perche’ si tratta di Reti con missioni di pubblico piu’ precise, piu’ compatte, maggiormente accoglienti rispetto alla novita’”. Secondo Eleonora Andreatta “la grande novita’ e’ oggi rappresentata dal web e dalla multimedialita’, che Rai sta utilizzando con svariate declinazioni, cercando di coglierne la straordinaria capacita’ aggregatrice, la potenzialita’ di creare rapporti di vicinato e affezione, ma anche sperimentando linguaggi e forme di racconto nuovo e accogliendo gruppi di creativita’ inediti, da non normalizzare, che hanno bisogno di canali distributivi piu’ mirati”. Il mondo della rete, ha aggiunto, “offre infatti nuove opportunita’ alla nostra grande fabbrica di racconto. Rai Fiction l’ha sperimentato in diversi modi utilizzando variamente il rapporto tra televisione generalista e web. Riconducendo su Rai1 uno straordinario pubblico di giovani anche grazie al web e ai social media, come in Braccialetti Rossi. Con un’esperienza compiutamente multimediale (web, televisione, cinema, e nuovamente tv) come per Una mamma imperfetta. O come nel prequel per il web di Una grande famiglia: Vent’anni prima, realizzato tra la prima e la seconda serie. Cercando il talento dei piu’ giovani con un concorso: dal passato si torna al futuro chiedendo di realizzare una web serie partendo dal patrimonio delle teche Rai (RAInventaRai).

Creando una sketch-comedy tra Rete generalista e web, Il Candidato: Il racconto della politica non come drama, ma in chiave parodistica e in un formato short con un cast straordinario (Filippo Timi, Lunetta Savino, Bebo Storti, Antonio Catania) e un gruppo autorale che nasce sul web: la Buoncostume. Il Candidato, oltre che dentro Ballaro’, a partire da domani, potra’ essere visto sul sito web di Rainews.it, che dedichera’ alla serie ampio spazio con materiali inediti, virali e interazione social. Utilizzando uno dei gruppi di maggior talento del web (The Pills) per creare insieme a Sidney Sibilia nella veste di showrunner una sketch comedy per Rai Due, Zio Gianni con Paolo Calabresi: un cinquantenne, licenziato, abbandonato dalla moglie, cacciato dalla casa dei genitori che trova ospitalita’ in una casa di studenti fuori sede. Contaminazioni generazionali, pubblici diversi, nel quadro di recupero di target alla tv generalista. Tutte queste esperienze ci dicono come sia possibile giocare in un ambiente nuovo, piu’ ricco e variegato, dove nascono nuove storie, nuove forme di racconto, nuovi linguaggi e nuovi talenti”. (Agi, 22 settembre 2014)

Eleonora Andreatta

Eleonora Andreatta

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi