Da domani il Corriere cambia formato. De Bortoli: non solo restyling grafico, rinnoveremo contenuti e sezioni. Siamo e restiamo un giornale moderato (VIDEO)

A partire da mercoledì 24 settembre troveremo in edicola un nuovo Corriere della Sera.La prima, vistosa caratteristica del nuovo Corriere della Sera è il formato compatto, ma, avverte il direttore Ferruccio de Bortoli, “Non si tratterà solo di una nuova stagione grafica: rinnoveremo contenuti e sezioni del giornale, cambiando per essere sempre noi stessi, seri affidabili, aperti. Sempre all’insegna di una rivoluzione quieta, perché siamo e restiamo un giornale moderato”.Il comunicato stampa di Rcs:

E questo, sottolinea il direttore, è un grandissimo pregio: “Il Corriere della Sera, in un’epoca di passioni tristi e valori dispersi, continuerà a essere un punto di riferimento essenziale, insostituibile per un paese che vuol crescere nella civiltà delle regole, aperto al mondo.”

In armonia con il nuovo formato più pratico, 45 x 31, il team grafico del Corriere, guidato dall’art director Gianluigi Colin, ha studiato un’impaginazione moderna, che continua a offrire una copertura informativa completa, ma in più privilegia l’approfondimento e valorizza le immagini di qualità, le infografiche, l’uso dei bianchi.

“La nuova era dell’editoria è incentrata sul rapporto tra carta e rete, e il Corriere della Sera evolve per offrire un sistema di prodotti sempre più in grado di dialogare tra loro, cambiando nel segno della continuità,” spiega Alessandro Bompieri, direttore della Divisione Media di RCS MediaGroup. “Abbiamo rivisto e ordinato la brand architecture del sistema Corriere, rendendola più coerente, armoniosa e chiara, per consentire al nostro pubblico di ritrovare la stessa voce e lo stesso tono ogni volta che entra in contatto con il Corriere.”

Il nuovo Corriere della Sera è un ulteriore passo di crescita del quotidiano, che negli ultimi tempi ha continuamente ampliato l’offerta di contenuti: il supplemento culturale della domenica La Lettura; i blog – La 27ma Ora il più conosciuto, ideatore tra l’altro del Tempo delle Donne, in programma a Milano dal 26 al 28 settembre; i nuovi canali, Scuola, Cucina, Moda; il nuovo sito; il continuo sviluppo dell’offerta televisiva.

E proprio Corriere Tv offre in home page una serie di contributi video che mostrano e spiegano il nuovo Corriere della Sera: “Cambiare per restare se stessi”, del direttore Ferruccio de Bortoli; “Il piacere di farsi un’opinione” e “L’ambizione di sorprendere”, dei vicedirettori Daniele Manca e Barbara Stefanelli; “La forza delle notizie”, di Fiorenza Sarzanini, Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella; “Una grafica tra modernità e chiarezza” dell’art director Gianluigi Colin e del responsabile della redazione grafica Bruno Delfino; per finire con il condirettore Luciano Fontana, che mostrerà la prima copia macchina del nuovo giornale in un video girato alle rotative del Corriere.
“Le cose che contano” è la testata che raccoglie tutti questi contributi video, per sottolineare la centralità dei valori, perno del cambiamento e della continuità del giornale.

Attorno a questo concetto, la campagna di comunicazione, sviluppata con l’agenzia Armando Testa, ha adottato il claim “Si può cambiare e rimanere se stessi” e ha lanciato l’hashtag #lecosechecontano, che invita a twittare i propri valori. I contributi raccolti vanno ad alimentare un wall sul sito del Corriere della Sera. Inoltre, sarà possibile impaginare una prima pagina personalizzata con testi e fotografia, condividerla sui social e acquistarla stampata su carta fotografica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio: nei playoff e playout di  Serie B si testerà nuova Var. Si comincia domani con Chievo-Empoli

Calcio: nei playoff e playout di Serie B si testerà nuova Var. Si comincia domani con Chievo-Empoli

TikTok, Trump a Microsoft: 45 giorni per chiudere

TikTok, Trump a Microsoft: 45 giorni per chiudere

Ponte di Genova. Conte: “L’Italia sa rialzarsi” e cita Calamandrei “L’uomo che torna a camminare sul ponte simbolo di speranza e unità”

Ponte di Genova. Conte: “L’Italia sa rialzarsi” e cita Calamandrei “L’uomo che torna a camminare sul ponte simbolo di speranza e unità”