Lo spot di Greenpeace trasmesso sulle reti Rai ha vinto la Coppa d’Argento del Presidente della Repubblica

(TMNews)  Lo spot della campagna di Greenpeace ‘Un brutto gioco’ ha vinto la Coppa d’Argento del Presidente della Repubblica Italiana al 66mo Prix Italia, in corso a Torino. Riservato agli spot televisivi trasmessi dalla Rai nel 2013-2014 e dedicati alla comunicazione sociale, il premio speciale e’ stato conferito da una giuria composta dai rappresentanti degli Istituti di Cultura dei Paesi dell’Unione Europea in Italia e presieduta da Maarten van Aalderen, presidente dell’Associazione della stampa Estera.

“Tutti gli spot esaminati dalla giuria hanno delle intenzioni nobili, ma quello che conta e’ l’efficacia. Il telespettatore non deve distrarsi e rimanere coinvolto fino all’ultimo momento. La giuria ha scelto lo spot di Greenpaece, in quanto questo spot ha dimostrato una grande efficacia e coinvolgimento che attira lo spettatore, anche quello giovane – si legge nella motivazione che accompagna il premio – Il calciatore oscuro tira con aggressivita’ il pallone piu’ volte verso la parete, con una colonna sonora minacciosa crescente. Alla fine vediamo il risultato; il pallone e’ il nostro pianeta, preso a calci e quindi mezzo rovinato. Dobbiamo riflettere su cosa sta succedendo, dovremo essere piu’ cauti con la terra”. (TmNews, 23 settembre 2014)

Maarten, presidente dell'Associazione Stampa Estera

Maarten van Aalderen, presidente dell’Associazione Stampa Estera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi