“Giannini è stata una scelta convinta e ponderata. I bilanci alla fine”: così il direttore di Rai3 Vianello

(ITALPRESS)  “Giannini e’ una grande firma della carta stampata, affidargli la trasmissione e’ stata una scelta convinta e ponderata. Per quanto mi riguarda, sta andando bene e siamo soddisfatti”. Lo ha detto al Prix Italia di Torino il direttore di Rai 3, Andrea Vianello, commentando il calo di ascolti nella seconda puntata di Ballaro’ che, dopo l’esordio convincente (11,8% di share), ha fatto registrare 6,53%. “Sappiamo che e’ una sfida importante – ha aggiunto Vianello – si tratta chiaramente di una ripartenza, ma i bilanci si fanno alla fine.

Non mi sono esaltato per il risultato della prima puntata e non mi deprimo adesso. Giannini ha dimostrato di avere una padronanza del mezzo televisivo imprevista, sta portando le sue capacita’ ed e’ gia’ entrato nel cuore dei telespettatori”. Intanto, dopo il 3,5% della prima puntata, nel secondo appuntamento di “diMartedi’”, il “rivale” Floris su La7 ha ottenuto il 4,23% di share. “Quest’anno Ballaro’ – ha concluso Vianello – deve vedersela con un vero e proprio competitor, assente nelle precedenti edizioni. E’ normale che gli ascolti siano calati, anche perche’ la puntata e’ andata in onda insieme al campionato di calcio e ad una seguitissima fiction su Rai 1”. (Italpress, 24 settembre 2014)

Andrea Vianello

Andrea Vianello

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi