L’appello del segretario dell’Asr Butturini ai giornalisti del Lazio: andate a votare

(TMNews)  Un appello ai giornalisti del Lazio perché vadano a votare ai due referendum sugli accordi contrattuali Fieg-Fnsi: lo ha lanciato Paolo Butturini, segretario dell’Associazione stampa romana. “Care colleghe e cari colleghi, domani e sabato si terranno il referendum nazionale e regionale sugli accordi contrattuali del giugno scorso. E’ un passaggio importante – ha sottolineato – per un sindacato che dovrebbe sempre ascoltare con attenzione la voce della propria base”.

“A breve – ha scritto in una nota diffusa nelle redazioni regionali – vi manderemo anche un documento in cui vi daremo conto del perché l´Asr vi chiede di respingere quegli accordi. Ma anche se riterrete di approvarli, quello che vi chiedo è comunque di andare a votare. Se parteciperete in molti, a prescindere da come vi esprimerete, batteremo quelli che vogliono un sindacato di burocrati, chiusi nelle loro stanze a decidere senza confrontarsi con chi dovrebbero rappresentare. Abbiamo dato troppe deleghe in bianco al gruppo dirigente e questo è un voto soprattutto per il futuro, una scheda che vuol dire più democrazia interna, più partecipazione, più inclusione”. (TmNews, 25 settembre 2015)

Paolo Butturini (foto-Salvatore-Contino)

Paolo Butturini (foto-Salvatore-Contino)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti