“C’e’ una crisi dei talk show? Direi che dipende soprattutto dalla politica”: così il presidente Mediaset Confalonieri

(AGI)  C’e’ una crisi dei talk show? “Diciamo che se ne fai due dove prima ce ne era uno solo e’ normale che gli ascolti si dimezzano. E’ quello che e’ successo martedi’ sera. Quando si parla male di Berlusconi, allora… Ma se di Berlusconi non puoi che parlare bene allora fai poco alla volta. Direi che dipende soprattutto da come va la politica in generale”. Cosi’ il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, a margine del convegno ‘Fare il futuro. A dieci anni dalla legge Gasparri come cambia la tv’, in corso nella Sala Zuccari del Senato.

Alla domanda dei giornalisti se e’ possibile che ci sia un’eccessiva offerta di talk show, Confalonieri ha poi risposto: “Puo’ anche essere che sia un problema di genere, ma come vi ho detto dipende soprattutto dal momento, da quello che accade a livello politico. Questo vale anche per i giornali e per le altre tipologie di media. Se c’e’ qualcosa di importante, allora la gente segue leggendo o guardando la tv”. parlando in modo piu’ specifico dei programmi di Giovanni Floris e di Massimo Giannini, Confalonieri ha commentato: “questi due signori sono bravi entrambi, come sono bravi i giornalisti che fanno i servizi”. (Agi, 25 settembre 2014)

Fedele Confalonieri (foto-Olycom)

Fedele Confalonieri (foto-Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi