Lottomatica, Moige e Fit lanciano la campagna ’18+’ contro il gioco per i minorenni

(ANSA) Un tour in 22 piazze italiane, a partire da domani, per fare informazione sul gioco responsabile: riparte la campagna “18+, con le regole non si gioca” promossa da Lottomatica, Moige e Fit, la federazione dei tabaccai. Da parte di Lottomatica “c’è volontà di trovare insieme soluzioni concrete e condivise per una maggiore tutela dei giocatori e dei minori. Tutti sono chiamati a fare la loro parte sul terreno comune della legalità: concessionari, associazioni di categoria, associazioni per la tutela dei minori, e in stretta collaborazione con il regolatore”, ha detto presentando l’iniziativa il direttore generale di Gtech-Lottomatica, Fabio Cairoli, che a questo proposito ha sottolineato l’importanza della rete legale dei concessionari e rivenditori: “L’alternativa a noi sarebbe il gioco illegale, che non guarda in faccia nessuno”. Sulla stessa linea Roberto Fanelli, direttore centrale gestione tributi e monopolio giochi dell’Agenzia della Dogane e dei Monopoli, che ha ricordato come la normativa italiana “per il contrasto del gioco minorile è la più restrittiva del mondo”, ma funziona se “la rete legale è il primo baluardo a tutela dei soggetti più deboli”; anche per questo “ogni volta che c’è un attacco alla rete legale, quella dei concessionari e dei tabaccai, si fa un favore al gioco illegale”. La campagna “18+” è giunta alla quarta edizione, in quella passata ha coinvolto 160 mila adulti, e anche quest’anno si presenta come un vero e proprio tour che parte da Napoli domani, 26 settembre, e si concluderà a Roma nel maggio prossimo. L’obiettivo è fare informazione ed educazione sul divieto di accesso ai giochi con vincita in denaro per i minori di 18 anni, facendo capire ai genitori l’importanza del loro esempio. “Nello sport come nel gioco bisogna conoscere i propri limiti e sapersi divertire”, ha riassunto così, il campione di nuoto Filippo Magnini, il senso dell’iniziativa. I visitatori degli stand nei centri storici italiani potranno accedere ad un “percorso di prevenzione del gioco minorile”, con un corso di e-learning e due test che valuteranno la conoscenza sul tema e l’eventuale presenza di comportamenti problematici. “I minori non devono giocare e i genitori devono educare i propri figli a non farlo”, ma “la sfida educativa non può spettare solo ai genitori, ci aspettiamo la co-educazione da parte di tutti gli adulti”, ha affermato Antonio Affinita, direttore del Moige. Da parte sua, Giovanni Risso, presidente della Fit, la Federazione italiana tabaccai, ha assicurato l’impegno dei 40mila rivenditori di giochi al rispetto delle regole: “Ci sentiamo a piano titolo responsabili e anche abbastanza severi”, ha concluso.(ANSA, 25 settembre 2014)

Fabio Cairoli (foto Paolo Cerroni)

Fabio Cairoli (foto Paolo Cerroni)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione