Paolo Virzì: “‘La sfida per l’Oscar mi mette ansia. Il nostro cinema è pieno di problemi”

(ANSA) ”La sfida per l’Oscar mi diverte e mette ansia”. Lo ha dichiarato all’ANSA il regista Paolo Virzì che questa sera presenta a Londra il suo film ”Il capitale umano”, candidato per l’Italia agli Oscar. ”E’ una grande responsabilità perché il nostro cinema è pieno di problemi, da quelli finanziari, a quelli distributivi, fino ai cinema che chiudono, e nonostante questo è miracolosamente vivo e produce ogni anno una manciata di film di grandissimo impatto, che viaggiano nel mondo”, ha affermato il regista. Virzì ha detto che si preparerà all’Oscar prima di tutto mettendosi a disposizione dei produttori e dei distributori americani per la promozione della pellicola con la speranza che non si interrompa il sogno come accaduto con un altro suo film, ‘La prima cosa bella’, che nel 2011 venne escluso dalla lista dell’Academy dalla quale escono i 5 candidati finalisti. Questa sera si svolge a Londra la première de ‘Il capitale umano’ nel Regno Unito all’interno del Raindance Film Festival, organizzato col sostegno dell’Istituto italiano di cultura nella capitale britannica. (ANSA, 25 settembre 2014)

Paolo Virzì (foto Cinema.excite.it)

Paolo Virzì (foto Cinema.excite.it)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Incitamento all’odio su Internet, il sottosegreario agli Interni Sibilia: Fenomeno in crescita, serve una Digital act europeo

Incitamento all’odio su Internet, il sottosegreario agli Interni Sibilia: Fenomeno in crescita, serve una Digital act europeo

Fnsi in piazza a Bolzano, Lorusso: Lavoro giornalistico sempre più precario, abbiamo chiesto al governo di aprire un tavolo sull’informazione

Fnsi in piazza a Bolzano, Lorusso: Lavoro giornalistico sempre più precario, abbiamo chiesto al governo di aprire un tavolo sull’informazione

Malagò: Milano-Cortina in grave ritardo ma ora la nave è partita. L’autonomia del Coni? Legge assurda ma il calvario è finito

Malagò: Milano-Cortina in grave ritardo ma ora la nave è partita. L’autonomia del Coni? Legge assurda ma il calvario è finito