“Il Festival di Sanremo costerà 1,5 milioni in meno”, dice il direttore di Raiuno Leone

(ANSA) “Il Festival di Sanremo 2015 costerà almeno 1,5 milioni di euro in meno rispetto a quello dell’anno scorso”. Lo ha detto il direttore di Rai1, Giancarlo Leone, spiegando che il risparmio è dovuto all’entrata in vigore della nuova convenzione stipulata dalla Rai con il Comune di Sanremo che passa da 7 a 5,5 milioni. “Non posso certo dire che il risparmio sarà utilizzato per il Festival, quindi è certo che costerà almeno 1,5 milioni in meno”. Lo scorso anno la spesa complessiva per la kermesse canora fu di 18 milioni. (ANSA, 29 settembre 2014)

Giancarlo Leone (foto Olycom)

Giancarlo Leone (foto Olycom)

Leone: “Raiuno a +1,16% di share in prima serata nel primo mese d’autunno”
(ANSA) “In un momento di calo della tv generalista, Rai1 si trova nel primo mese della stagione autunnale con uno share del 19,94% in prime time, +1,16% sullo stesso periodo dello scorso anno”. Lo ha detto il direttore di Rai1, Giancarlo Leone, durante la presentazione del Regolamento per il prossimo Festival di Sanremo. “Importante anche il dato del day time di Rai1, con il 17,27% e un incremento degli ascolti dello 0,53% rispetto a un anno fa”, ha aggiunto. “I risultati del primo mese di programmazione autunnale sono in netta controtendenza con il calo della televisione generalista che ha contraddistinto gli ultimi tre anni – ha poi spiegato Leone – e questo è il miglior segnale di un rafforzato rapporto tra Rai1 e il pubblico televisivo. La composizione e la qualità delle prime serate di intrattenimento e di fiction e il ridisegno complessivo dell’impianto di day time sono stati premiati con una risposta eccezionale dei telespettatori”. (ANSA, 29 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi