Yahoo! manda in pensione Directory, il suo esordio nel web

(ANSA) Yahoo! manda in pensione Directory, il servizio con cui esordì nel World Wide Web quando ancora non esisteva Google fornendo un elenco di siti ordinati per categorie. “Yahoo è stato avviato quasi 20 anni fa come una directory di siti che ha aiutato gli utenti a esplorare internet”, ha detto il vicepresidente Jay Rossiter. “Siamo ancora impegnati a collegare gli utenti con le informazioni di cui sono appassionati, ma la nostra attività si è evoluta e a fine 2014 chiuderemo Yahoo Directory”. Il servizio è stato lanciato nel 1994 con il nome ‘La guida di Jerry e David al Web’. L’anno successivo Jerry Yang e David Filo hanno fondato Yahoo!. Nel 1998, anno di lancio del motore di ricerca di Google, Directory era il punto di partenza più popolare per gli utenti del web. Una lista di siti web curata da persone, tuttavia, ha perso appeal man mano che i motori di ricerca si sono imposti, consentendo a chiunque di esplorare il web attraverso parole chiave. Per trovare un sito di scacchi, ad esempio, usando una web directory l’utente deve cliccare su ‘attività ricreative’, poi ‘giochi’, quindi ‘giochi da tavola’ e infine ‘scacchi’. Con un motore basta digitare la parola ‘scacchi’ e avviare la ricerca. Yahoo! Directory aveva già chiuso i battenti in diversi Paesi. In Italia, Francia, Germania e Spagna il servizio era stato interrotto il 10 dicembre 2009 e gli utenti erano stati reindirizzati al motore di ricerca di Yahoo!. (ANSA, 29 settembre 2014)

Marissa Mayer, ceo di Yahoo! (foto Olycom)

Marissa Mayer, ceo di Yahoo! (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza