Le connessioni mobili superano gli abitanti della Terra: a quota 7,3 miliardi

(ANSA) Il numero di dispositivi mobili connessi alle reti cellulari ha superato il numero di abitanti della Terra: secondo il contatore messo a punto da Gsma, l’associazione degli operatori ‘mobile’ nel mondo, le connessioni sono vicine ai 7,3 miliardi, mentre per il Census Bureau’s americano la popolazione mondiale è attualmente stimata intorno ai 7,2 miliardi. La stima non implica che ogni singolo abitante della Terra sia connesso ad una rete mobile. C’è infatti differenza tra il numero di connessioni mobili, cioè di schede Sim attive, e il numero di abbonati unici. Nei paesi occidentali, ad esempio, è molto frequente che un singolo utente disponga di più smartphone e tablet ed abbia quindi sottoscritto più abbonamenti. La situazione è diversa nei paesi in via di sviluppo. Stando a un recente rapporto stilato da McKinsey & Company in collaborazione con Facebook, nel mondo tra 1,1 miliardi e 2,8 miliardi di persone vivono fuori dalla portata di una rete mobile esistente. ”Nessun’altra tecnologia sta impattando su di noi come il ‘mobile’. È il fenomeno che è cresciuto più velocemente da zero a oltre 7 miliardi”, ha detto al blog Cnet, Kevin Kimberlin, presidente della società di venture capital americana Spencer Trask & Co. (ANSA, 7 ottobre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti