Il Washington Post diventa un prodotto Amazon: il nuovo piano di Bezos per le news

Jeff Bezos vuole trasformare il Washington Post in una pubblicazione nazionale e per farlo ha intenzione di servirsi di Amazon.com, il suo colosso dell’e-commerce. Secondo quanto riporta Businessweek, infatti, da alcuni mesi un gruppo interno alla testata starebbe lavorando ad una nuova applicazione che offrirà una selezione di notizie e fotografie tratte dal quotidiano, confezionandole all’interno di un prodotto digitale con lo stile di una rivista ma ottimizzato per tablet. L’applicazione verrà preinstallata sul nuovo Kindle Fire di Amazon che, secondo indiscrezioni, dovrebbe essere lanciato entro questo autunno con uno schermo grande da 8,9 pollici.

Jeff Bezos (foto Olycom)

Jeff Bezos (foto Olycom)

L’applicazione sarà gratuita per i prossessori del nuovo Kindle, almeno in un primo momento. Sarà poi disponibile su altri Kindle, nonché sui dispositivi Apple e Android in abbonamento mensile.

L’iniziativa è stata soprannominata ‘Project Rainbow’ e viene guidata da Kerry Lauerman, l’ex redattore capo di Salon.com. Lauerman è entrata a far parte del Post come senior editor lo scorso luglio per lavorare – si legge in una nota – “su un progetto finalizzato alla rapida crescita di lettori mobile”. Lauerman risponde a Cory Haik, produttore esecutivo del Post per le notizie digitali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

EY, italiani più ‘connessi’ dopo la pandemia: ai primi posti in Europa per sanità digitale

EY, italiani più ‘connessi’ dopo la pandemia: ai primi posti in Europa per sanità digitale

Pirateria: Sky soddisfatta per l’operazione Euro Strike 2020

Pirateria: Sky soddisfatta per l’operazione Euro Strike 2020

Apple Daily, dopo il blitz in redazione la polizia accusa il direttore e l’ad della società che controlla il tabloid pro-democrazia di Hong Kong

Apple Daily, dopo il blitz in redazione la polizia accusa il direttore e l’ad della società che controlla il tabloid pro-democrazia di Hong Kong