Italia al quarto posto in Europa per dimensione del mercato dei media, 11esima per diritto d’autore

(ANSA) L’Italia è al quarto posto in Europa in quanto a dimensione del mercato dei media, ma scivola all’undicesimo posto quando si tratta dei dati sulla raccolta del diritto d’autore. Lo ha spiegato oggi il rappresentante Siae Sergio Fasano durante un’ audizione alla commissione trasporti della Camera convocata nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici. Secondo dati del 2011, ha precisato Fasano, il mercato italiano vale, “circa 8 miliardi di euro” e rappresenta il “quarto mercato dei media in Europa”. Ma “se confrontiamo la raccolta di diritto d’autore con i fatturati, rileviamo che Italia raccoglie, per esempio, sulla musica una quantità di diritti che e’ meno della metà del diritto d’autore raccolto in Francia” e quindi “nella stessa classifica con gli stessi paesi l’Italia scende all’undicesimo posto”. Questo perché a “a parità di legislazione, ci sono differenze di tutele. Il diritto d’ autore, se rapportato al Pil, in Francia rappresenta più del doppio dell’ Italia; siamo sotto la Spagna del 30-40% e siamo anche dietro alla Germania”. (ANSA, 8 ottobre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google e Facebook revocano il blocco agli annunci politici. Era in vigore dal 3 novembre scorso (il giorno dopo le elezioni Usa)

Google e Facebook revocano il blocco agli annunci politici. Era in vigore dal 3 novembre scorso (il giorno dopo le elezioni Usa)

Sanremo 2021, seconda serata: calano ancora Ama e Fiore e fanno come Fazio nel 2014. Picco con Elodie – TREND SECONDA SERATA DAL 2010 A OGGI

Sanremo 2021, seconda serata: calano ancora Ama e Fiore e fanno come Fazio nel 2014. Picco con Elodie – TREND SECONDA SERATA DAL 2010 A OGGI

Google non venderà più pubblicità basata sul tracciamento degli utenti e studia un sistema per fare a meno dei cookies. Ma non tutti sono contenti

Google non venderà più pubblicità basata sul tracciamento degli utenti e studia un sistema per fare a meno dei cookies. Ma non tutti sono contenti