Twitter si allea con la banca francese Bpce per i pagamenti social

(ANSA) Oltre a pensieri, link e foto, gli utenti francesi di Twitter presto potranno cinguettare anche denaro. Il social network ha infatti stretto un’alleanza con la banca d’oltralpe Bpce che consentirà agli utenti di inviare soldi con un tweet. La mossa arriva a pochi giorni di distanza dalle voci secondo cui anche Facebook a breve introdurrà lo scambio di denaro sulla chat Messenger. Nel frattempo Apple ha iniziato a formare i dipendenti dei suoi negozi Usa sull’Apple Pay, il suo muovo sistema per i pagamenti ‘mobile’. Il nuovo servizio di Twitter, che sarà presentato domani in una conferenza stampa a Parigi, si baserà su S-Money, la piattaforma di Bpce che consente i trasferimenti di denaro via sms. Il servizio sarà a disposizione di tutti i francesi che hanno un account twitter e un conto bancario. Chi invia denaro non avrà bisogno di conoscere il numero di conto del destinatario. Un servizio simile potrebbe a breve arrivare anche sulla chat Messenger, l’applicazione di Facebook per smartphone e tablet. Stando a quanto riportato la settimana scorsa dal sito TechChrunch, infatti, gli utenti del social potrebbero a breve inviare e ricevere denaro attraverso la chat. In fase di imminente debutto è invece l’Apple Pay, il sistema di pagamento che punta a trasformare l’iPhone 6 in un portafogli. Stando al sito 9to5Mac, negli Stati Uniti Apple avrebbe iniziato a preparare il personale dei suoi negozi consegnando del materiale formativo in cui si spiega il funzionamento del servizio, atteso al debutto questo mese. (ANSA, 13 ottobre 2014)

Dick Costolo, ceo di Twitter (foto Olycom)

Dick Costolo, ceo di Twitter (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti