Apple e Facebook annunciano incentivi finanziari per il congelamento degli ovuli per le proprie dipendenti

(AGI) Nella corsa ad accaparrarsi talenti, Apple e Facebook hanno hanno ora un’arma in piu’: gli incentivi finanziari alle dipendenti per il congelamento degli ovuli, in modo da rimandare la gravidanza e concentrarsi sulla carriera. Da gennaio, l’azienda di Cupertino dara’ fino a 20mila dollari alle sue lavoratrici, comprese quelle part-time, per sostenere i costi del prelievo e conservazione degli ovuli. Un’iniziativa, hanno spiegato dalla Apple, che punta ad “aumentare i benefici per le donne”, con “un’estensione della politica per il congedo maternita’ insieme alla crioconservazione degli ovociti come parte del nostro supporto ai trattamenti contro l’infertilita’”.

L’obiettivo e’ dare modo alle donne della Apple di “fare il miglior lavoro della loro vita mentre si prendono cura dei propri cari e crescono le famiglie”. A Facebook hanno gia’ cominciato a muoversi all’inizio di quest’anno, con la copertura delle spese per il congelamento degli ovuli per ragioni non mediche. La procedura, molto costosa ma sempre piu’ diffusa, permette infatti di rimandare nel tempo la gravidanza ma viene utilizzata anche da coloro che si devono sottoporre a trattamenti che interferiscono con la fertilita’, come nel caso della chemioterapia per il cancro. In media, si pagano fino a 10mila dollari (quasi 8mila euro) per l’operazione piu’ 500 dollari all’anno per la conservazione. La novita’ ‘a favore’ delle donne ha suscitato un dibattito sui social media: secondo alcuni, le grandi aziende della Silicon Valley dovrebbero piuttosto concentrare gli sforzi nel creare una cultura piu’ equilibrata tra uomini e donne, con una maggiore flessibilita’ per i nuovi genitori. (Agi, 15 ottobre 2014)

Tim Cook (foto-Olycom)

Tim Cook (foto-Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando