Settimana prossima Google lancerà l’algoritmo per declassare i siti pirata

(ANSA) Google pensa ad un nuovo algoritmo che penalizzi i siti che ospitano prodotti piratati come film, musica, videogiochi e libri. In pratica il nuovo sistema ‘declasserebbe’ queste piattaforme nelle ricerche online.Sono indicazioni contenute nel report ‘How Google Fights Piracy’ e dovrebbero essere applicate dalla prossima settimana. Nello stesso documento, inoltre, l’azienda spiega che con il programma Content ID ha distribuito 1 miliardo di dollari ai detentori di copyright su YouTube. Il programma Contentd ID è stato istituito nel 2007 per eseguire la scansione sui contenuti generati degli utenti e individuare le violazione del diritto d’autore su YouTube. Ne fanno parte 5mila detentori di copyright, come le etichette musicali, le emittenti tv e gli studi cinematografici. Riguardo gli sforzi per abbassare il ‘ranking’ dei siti pirata, Google si riferisce a quelle piattaforme che hanno ricevuto un gran numero di denunce in base al Digital Millenium Copiright Act (DMCA), la legge statunitense sul copyright. Secondo il rapporto, nel 2013 Google ha ricevuto 224.000 segnalazioni e ha rimosso il 99% di queste. (ANSA).

Sergey Brin (foto Olycom)

Sergey Brin (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini