Catanzaro ospita il festival Tropea leggere e scrivere

(ITALPRESS) “La Calabria ha fatto della lettura una priorita’ politica in quanto premessa indispensabile dello sviluppo culturale e quindi sociale ed economico”. Con queste parole l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha inaugurato questa mattina a Vibo Valentia a Palazzo Gagliardi la terza edizione del Festival “Tropea Leggere e Scrivere”, uno dei grandi eventi individuati e sostenuti dalla Regione Calabria.

Ospite d’onore alla cerimonia inaugurale e’ Romano Montroni, presidente del centro del libro, l’ente del Ministero dei Beni Culturali che sta organizzando “Libriamoci”, il grande evento collettivo nazionale della lettura ad alta voce nelle scuole che si svolgera’ dal 29 al 31 ottobre in tutto il Paese e dove la Calabria e’ regione “pilota”.

Montroni ha proposto di utilizzare il Palazzo Gagliardi, dove si e’ svolta la presentazione, come un centro culturale animato tutto l’anno e con una grande libreria e poi ha evidenziato il rischio dell’ignoranza che non si legge, ribadendo che occorre leggere perche” “in una pagina puoi scoprire il mondo”. Caligiuri ha evidenziato le politiche regionali che hanno determinato in questi anni in Calabria l’aumento del numero dei lettori, compresi quelli digitali. (ITALPRESS – 21 ottobre 2014).

Romano Montroni

Romano Montroni

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager