Re Felipe VI per i 25 anni di El Mundo

C’erano anche il re Felipe VI e la regina Letizia alla festa che ieri sera ha celebrato all’Hotel Palace di Madrid il 25° anniversario del Mundo, il quotidiano di Unidad Editorial, controllata da Rcs MediaGroup. Tra i presenti moltissimi protagonisti della politica, dell’economia e della cultura spagnola. Da Milano in rappresentanza di Rcs sono arrivati il presidente dell’editrice Angelo Provasoli, l’ad Pietro Scott Jovane, il direttore Media Alessandro Bompieri, il chief digital officer Alceo Rapagna e il direttore della comunicazione Carlo Rossanigo.
Felipe VI nel suo saluto, dopo aver affermato che “l’informazione è imprescindibile per la costruzione e l’affermazione della democrazia”, ha aggiunto che “El Mundo ha riflesso in questi anni il polso della società”.
In occasione dei suoi 25 anni il quotidiano madrileno si è presentato ai lettori con una nuova veste grafica.

Clicca qui per il VIDEO dell’evento.

25 anni del Mundo

Da sinistra; Antonio Fernández-Galiano, presidente di Unidad Editorial; Ricardo García Vilanova, fotoreporter; Francisco Pérez de los Cobos, presidente del TC; Rosa Montero, editorialista; re Felipe VI e la regina Letizia; Javier Espinosa, giornalista del Mundo ; Soraya Sáenz de Santamaría, vice presidente del governo spagnolo; Marc Marginedas, corrispondente del Mundo; Angelo Provasoli, presidente di Rcs; Pietro Scott Jovane, ad di Rcs; Casimiro García-Abadillo, direttore del Mundo.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giornalisti e Covid. Da Odg Campania via libera Regione alla vaccinazione per i giornalisti

Giornalisti e Covid. Da Odg Campania via libera Regione alla vaccinazione per i giornalisti

<strong> 5 marzo </strong> Sanremo non ingrana la quarta. Come Fazio 2014 e Panariello 2006. Batte Baudo 2008 e 2003

5 marzo Sanremo non ingrana la quarta. Come Fazio 2014 e Panariello 2006. Batte Baudo 2008 e 2003

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19