No alla discriminazione: ecco in anteprima la campagna di Famiglia Cristiana, Avvenire, Armando Testa e Fisc

‘Anche le parole possono uccidere’: è questo il titolo della nuova campagna contro la discriminazione che verrà presentata oggi alle ore 12 presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio. Incentrata sul ‘rispetto verso il non-uguale’, è la prima delle cinque campagne pubblicitarie su temi di rilevanza sociale legati all’attualità che Famiglia Cristiana, Avvenire, Armando Testa e Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) stanno preparando “per promuovere una cultura della consapevolezza, stimolare la riflessione e la discussione e fornire uno strumento alla crescita personale e sociale”. Le prossime saranno contro la droga, il bullismo, la violenza sulle donne e la violenza verbale.



‘Anche le parole possono uccidere’ ha ottenuto il Patrocinio della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica e fa emergere l’impatto distruttivo della discriminazione che attraverso il linguaggio colpisce in modo grave il suo bersaglio.

Alla presentazione interverranno – dopo il saluto introduttivo della presidente della Camera Laura Boldrini – Antonio Sciortino, direttore Famiglia Cristiana, Marco Tarquinio, direttore Avvenire, Francesco Zanotti, presidente Federazione italiana settimanali cattolici, Marco Testa, presidente Gruppo Armando Testa. Moderatore Roberto Bernocchi, docente Comunicazione sociale e responsabile Csr Gruppo Armando Testa. L’appuntamento sarà trasmesso in diretta sulla webtv della Camera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress