Ello, il social anti-Facebook, ottiene 5,5 milioni di dollari di finanziamenti e si blinda dalla pubblicità

(ANSA)  Ello, il social anti-Facebook senza pubblicità e senza obbligo per gli utenti di usare il loro vero nome, ha annunciato di aver ottenuto 5,5 milioni di dollari di finanziamenti. L’iniezione di liquidità è arrivata nonostante una mossa inusuale nel mondo delle start up: Ello si è registrato come una ‘public benefit corporation’, una società di pubblica utilità, e questo per la legge Usa rende impossibile agli investitori chiedere che siano mostrate pubblicità o siano venduti dati degli utenti. Lanciato ad agosto e ancora in fase sperimentale, Ello ha ottenuto un picco di popolarità il mese scorso grazie al traino della comunità Lgbt, dopo che Facebook aveva introdotto l’obbligo di usare il nome che compare sulla carta di identità. La decisione della società di Mark Zuckerberg aveva scatenato le proteste di alcune drag queen statunitensi attive nel mondo dello spettacolo, e al contempo aveva dato slancio a Ello, dove è possibile usare pseudonimi. Dai 90 utenti del lancio, il social è passato a registrare ogni ora tra le 20mila e le 45mila richieste d’invito, che è l’unico modo per entrarne a far parte. Nel suo manifesto, Ello promette di non trattare gli utenti come merce. ”Ogni post che condividi, ogni amicizia che stringi, ogni link su cui clicchi viene registrato e convertito in dati, acquistati dagli inserzionisti”, si legge. ”Noi crediamo che ci sia un modo migliore. Tu non sei un prodotto”. (ANSA, 24 ottobre 2014)

Paul Budnitz, ceo di Ello (foto Recode.net)

Paul Budnitz, ceo di Ello (foto Recode.net)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Fnsi,  Snag e Anzaldi su Moles, neo sottosegretario all’Editoria: precariato, sostegno edicole, Inpgi

Fnsi, Snag e Anzaldi su Moles, neo sottosegretario all’Editoria: precariato, sostegno edicole, Inpgi