Svidercoschi è il nuovo direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di AlmavivA

Michele Svidercoschi è il nuovo direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di AlmavivA, gruppo italiano specializzato nell’Information & Communication Technology. A Svidercoschi, che risponde direttamente all’amministratore delegato di AlmavivA, Marco Tripi, fanno capo le attività di comunicazione interna, comunicazione esterna e di relazione istituzionale, con la responsabilità di valorizzare immagine, ruolo ed obiettivi del Gruppo presso i pubblici di riferimento.

Michele Svidercoschi

Michele Svidercoschi

Nato a Roma nel 1961, laureato in Scienze politiche, giornalista professionista, Michele Svidercoschi ha maturato esperienze distribuite, con ruoli diversi, in ambito pubblico (Regione Lazio, Mit), nel settore dell’informazione (Rai, Mediaset) ed in campo aziendale (Vodafone Italia, Telecom Italia Media, La7).

Il Gruppo AlmavivA opera a livello globale, con 38 sedi in Italia, 16 all’estero, 32.500 persone e 700 mln di euro di fatturato, è presente anche in Brasile, Stati Uniti, Cina, Colombia e Tunisia. I mercato di riferimento sono pubblica amministrazione centrale e locale, agricoltura, homeland security & protection, banche e assicurazioni, telco – energia e servizi, trasporti e logistica, sanità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti