Alibaba collaborerà con Apple per i pagamenti online

(ASCA)  Alibaba apre le porte a Apple. L’amministratore delegato del colosso cinese, Jack Ma, ha detto che e’ pronto a collaborare con cupertino sul sistema di pagamento mobile.

“Spero potremo fare qualcosa insieme”, ha detto al Wall Street Journal sostenendo di avere grande rispetto dell’amministratore delegato di Apple, Tim Cook. Alibaba possiede alipay, il piu’ grande sistema di pagamento online della Cina, mentre il colosso californiano ha appena lanciato Apple Pay, il suo servizio di pagamento attraverso iPhone 6 e nuovi iPad. Le due piattaforme, secondo quanto fatto intuire da Ma, in futuro potrebbero stringere un accordo. Ma il prossimo fine settimana sara’ in California, a Hollywood, per cercare di strappare accordi con le grandi case di produzione.

“Voglio guardarmi intorno e vedere se trovo delle collaborazioni”, ha detto l’amministratore delegato sostenendo che la Cina potrebbe diventare il piu’ grande produttore di film al mondo. Per ora Alibaba non ha un grande mercato all’esterno del Paese orientale, ma l’amministratore delegato ha ricordato che per ora vuole continuare a servire i propri clienti in Cina. E invertire il flusso delle esportazioni, portando prodotti americani e europei sul mercato cinese. (Asca, 28 ottobre 2014).

Jack Ma

Jack Ma

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti