Sponsorizzazioni culturali: al via la seconda edizione del Premio Cultura + Impresa

Ha preso il via oggi 28 ottobre il Premio Cultura + Impresa 2014 dedicato alle migliori sponsorizzazioni e partnership culturali in Italia. Obiettivo del premio, promosso dal Comitato non profit Cultura + Impresa fondato da Federculture e The Round Table, è individuare e valorizzare le eccellenze della collaborazione tra operatori culturali – pubblici e privati – e imprese e fondazioni erogative che investono in cultura per le proprie attività di comunicazione o per finalità istituzionali.

La partecipazione è aperta a tutti i progetti di sponsorizzazione e partnership culturale presentati da operatori culturali pubblici e privati, amministrazioni pubbliche centrali e locali, aziende, fondazioni e organizzazioni non profit, agenzie di comunicazione o loro combinazioni.

Francesco Moneta, presidente del Comitato Cultura + Impresa (foto Twitter)

Francesco Moneta, presidente del Comitato Cultura + Impresa (foto Twitter)

Quest’anno, per la prima volta, vengono premiate anche le produzioni culturali d’impresa, ossia quanto un’azienda progetta e realizza in proprio un’iniziativa culturale di rilevanza sociale. E’ questo un fenomeno in crescita che vede impegnate grandi e medie imprese, con un’interessante presenza del mondo dell’alta gamma, banche e utilities.

I progetti candidati devono essersi avviati dopo il 1° settembre 2013 e conclusi entro il 30 settembre 2014. Sono ammessi progetti di tutte le categorie aventi come oggetto: Restauro e valorizzazione di Beni Culturali; Musei e Spazi espositivi; Mostre; Festival e Rassegne culturali; Spettacoli o Stagioni di Teatro, Musica, Danza; Installazioni / Performance di Arte Contemporanea; Attività editoriali; Produzione cinematografiche, audiovisive e multimediali. I progetti devono essere presentati entro il 2 dicembre 2014. Il regolamento è disponibile sul sito http://culturapiuimpresa.ideatre60.it/ o può essere richiesto alla segreteria organizzativa premio@culturapiuimpresa.it.

Tra le altre importanti novità dell’edizione 2014 c’è la partecipazione della Fondazione Italiana Accenture che ha messo a disposzione la piattaforma digitale ideaTRE60, grazie alla quale le fasi di informazione in progress, acquisizione dei progetti partecipanti, valutazione da parte della giuria e di successiva divulgazione e valorizzazione dei premiati e presentati saranno gestite on-line.

Al premio hanno dato ad oggi la propria adesione la Regione Lombardia, il Comune di Milano, Assocomunicazione, Assolombarda, Assorel, Ferpi, Upa. I partner sono la Fondazione Italiana Accenture, Il Giornale dell’Arte e Tvn Media Group. Il Premio ha il patrocinio dell’Esa – European Sponsorship Association.

La giuria 2014 è composta da rappresentanti dei partner istituzionali e professionali e da protagonisti del mondo della cultura e della comunicazione d’impresa. Tra questi Laura Cantoni, ricercatrice e fondatrice di Astarea; Salvatore Carrubba, già assessore alla Cultura del Comune di Milano e presidente dell’Accademia di Brera; Andrea Cornelli,  presidente Assorel; Fabrizio Grifasi, direttore della Fondazione Romaeuropa, per Federculture; Giovanna Maggioni, direttore generale Upa; Francesco Moneta, presidente del Comitato Cultura + Impresa; Anna Puccio, segretario generale Fondazione Italiana Accenture; Patrizia Rutigliano, presidente Ferpi; Catterina Seia, direttore del Giornale delle Fondazioni e di Arti e Imprese; Massimiliano Tarantino, segretario generale della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli; Michele Verna, direttore generale di Assolombarda.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress