Notorious Pictures ha raggiunto l’accordo con Chili per la distribuzione di 30 film

(ITALPRESS)  Notorious Pictures, societa’ quotata sul mercato aim Italia attiva nell’acquisizione di diritti di opere cinematografiche, full rights e nella commercializzazione degli stessi attraverso tutti i canali di distribuzione come cinema, home video, tv, new media, ha siglato in data odierna un accordo per la distribuzione di 30 film con Chili, spin off di fastweb, focalizzata sul mercato iptv e sulla gestione diretta di reti a banda larga.

La distribuzione avverra’ attraverso i canali est, er (electronic sell through e electronic rental) e vod (video on demand). In forza di tale accordo, Notorious percepira’ una percentuale dei ricavi generati dallo sfruttamento dei film in oggetto. Guglielmo Marchetti, amministratore delegato di Notorious Pictures, ha cosi’ commentato: “Grazie all’accordo siglato con Chili, operatore leader di mercato, abbiamo l’opportunita’ di distribuire le opere filmiche della nostra library attraverso un canale innovativo e caratterizzato da significative prospettive di crescita raggiungendo un mercato molto ampio legato al mondo Internet e consolidando ulteriormente la nostra presenza nel settore dei new media.” (Italpress, 29 ottobre 2014).

Guglielmo Marchetti

Guglielmo Marchetti

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia