Sul mercato il 30,51% di Raiway. Indicato l’intervallo della valorizzazione

(Firstonline) Il Cda della Rai ha approvato oggi i termini finali dell’offerta pubblica di vendita di una quota di minoranza di azioni ordinarie Rai Way ed è stato fissato l’intervallo di valorizzazione indicativa delle azioni nell’ambito del progetto di quotazione sul Mercato Telematico Azionario. Lo comunica una nota. Rai ha individuato un intervallo di valorizzazione indicativa del capitale economico (‘equity value’) compreso tra un minimo di 802,4 milioni e un massimo di 952 milioni, pari a un minimo di 2,95 euro per azione e un massimo di 3,50 euro.

Il cda ha inoltre deliberato in merito alla struttura dell’offerta globale di azioni Rai Way, definendo in 83 milioni di azioni, corrispondenti a circa il 30,51% del capitale sociale dell’emittente, il numero massimo di azioni oggetto di cessione da parte di Rai, prevedendo inoltre la concessione, da parte della Rai, a favore dei coordinatori dell’offerta globale di un’opzione di sovrallocazione e di greenshoe per massime 12 milioni di azioni. Conseguentemente, presupponendo l’adesione totale all’offerta e l’esercizio delle opzioni di sovrallocazione e greenshoe, l’offerta globale sara’ pari al 34,93% del capitale sociale di Rai Way.

Stefano Ciccotti (foto Corrierecomunicazioni)

Stefano Ciccotti (foto Corrierecomunicazioni)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive