Gianpiero D’Alia: “Il governo deve accelerare sulla trasparenza dei bilanci e compensi in Rai”

(ITALPRESS)  “Il governo acceleri senza timidezze sulla trasparenza in Rai: e’ giusto che tutti i cittadini, attraverso la rete, possano conoscere l’uso che l’azienda fa dei soldi pubblici, compresi quelli del canone.

Gare, contratti, bilanci, stipendi e numero dei dipendenti devono essere completamente accessibili, come prevede la legge e come avviene gia’ per le pubbliche amministrazioni e per i politici”. Lo afferma Gianpiero D’Alia, ex ministro per la pubblica amministrazione e presidente dell’Udc.

“Come ricorda l’onorevole Brunetta è passato fin troppo tempo dalla conversione in legge del mio decreto 101/2013 sulla razionalizzazione della Pa e dalla circolare della funzione pubblica 1/2014, che chiarisce ogni possibile dubbio interpretativo sull’obbligo previsto dalla legge anti-corruzione di pubblicare online i bilanci e i compensi di dirigenti e consulenti per tutte le controllate e le partecipate dello stato, dunque anche per il servizio pubblico radiotelevisivo”. ”

La trasparenza per la Rai, conclude D’Alia,  non puo’ essere un problema: deve piuttosto rappresentare una garanzia in piu’ per assicurare quell’efficienza e quell’indipendenza necessarie per competere sul mercato”. (Italpress, 31 ottobre 2014).

Gianpiero D'Alia

Gianpiero D’Alia

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi