Signorini, si confessa: il gossip? Panacea breve ma efficace. ‘Chi’ ha quasi 3 milioni di lettori, prima ci si occupava dei reali…

(IlGiornaleNon è che sia stufo delle vite degli altri. Ma a cinquant’anni Alfonso Signorini ha deciso di parlare di sé. Signorini, il direttore di Chi , il re del gossip, che alcuni dipingono come un «cortigiano», altri come lo spin doctor di Berlusconi, altri ancora come un salottiero (perfido). Ora ha scritto la sua autobiografia, L’altra parte di me . «Mi dicono: perché non hai aspettato gli 80? Ma adesso sono ancora lucido».

Ecco alcuni passagi dell‘intervista sul Giornale.it

Le manca la tv?
«Sì. Infatti ci tornerò presto».

Dicono che sia il «killer» mediatico di Berlusconi.
«Sì, cinque anni fa mi davano del “lecca-Berlusconi”, come oggi mi danno del “lecca-Renzi”. Un giorno scrivono che sono pappa e ciccia con Marina Berlusconi, il giorno dopo che sono in disgrazia. Dovrei andare dall’analista».

Perché il gossip tira sempre?Alfonso Signorini (foto Notizie.it)
«È nell’animo umano. Una panacea di breve durata, ma efficace. Per me non morirà mai. Ma bisogna saperlo fare, Chi ha quasi tre milioni di lettori. Prima ci si occupava dei reali…»

Non può trattare male i reali. Col topless di Kate Middleton quanto ha guadagnato?
«Ah, le tette di Kate, tutta la vita. Moltissimo».

Vendere prima di tutto?

«Ho pubblicato la foto di George Clooney e Amal prima di quelle ufficiali delle nozze, gli ho fatto cancellare la cravatta e messo il farfallino. Mi hanno criticato, ma ho venduto il 42 per cento in più».

http://www.ilgiornale.it/news/politica/1064530.html

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini