Al via la terza edizione del ‘Premio InFormazione’ per i praticanti delle Scuole di giornalismo italiane

(ANSA)  L’Associazione giornalisti scuola di Perugia e la Rappresentanza italiana della Commissione europea organizzano e promuovono la terza edizione del concorso giornalistico “Premio InFormazione”, riservato ai praticanti delle Scuole di giornalismo italiane. Il premio – patrocinato dall’Ordine nazionale dei giornalisti, dall’Ordine dei giornalisti dell’Umbria e dall’Associazione stampa umbra – è dedicato alla memoria di Nunzio Bassi, coordinatore didattico per 20 anni della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia e morto il 29 ottobre 2013.

Obiettivo del concorso – riferisce una nota dell’Associazione giornalisti scuola di Perugia – è valorizzare i giovani iscritti alle scuole di giornalismo italiane. In palio per i più meritevoli quattro borse di studio (dotazione complessiva del premio: 7.000 euro). Gli elaborati in concorso (due le categorie previste: carta stampata/online e servizi per radio/tv) dovranno essere dedicati alla tematica dell’ambiente, intesa in senso lato. Due le sezioni del Premio: una “nazionale” ed una “europea”. Scadenza per l’invio degli elaborati: 16 marzo 2015. La cerimonia di premiazione dei vincitori si svolgerà a Perugia in occasione dell’edizione 2015 del Festival internazionale del giornalismo (15/19 aprile). (Ansa, 3 novembre 2014).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager