Sky Deutschland per la prima volta segna l’utile

Sky Deutschland, la pay tv tedesca di cui BskyB ha acquistato il 57,4% da 21st Century Fox per fare, insieme a Sky Italia, la grande Sky europea, ha comunicato di aver registrato un utile netto del primo trimestre del 12 millioni di euro con quasi 100.000 nuovi abbonati.

La società di pay-TV tedesca ha segnato il suo primo profitto trimestrale dal 2007. Brian Sullivan, il ceo di Sky Deutschland ha commentato: “Questo trimestre abbiamo messo a segno una serie di obiettivi importanti con la forte crescita della clientela e dell’EBITDA raggiungendo l’utile netto positivo. La qualita’ della nostra offerta eccezionale fatta di contenuti esclusivi di alta qualità, la continua innovazione e una grande cura del cliente sono i pilastri del nostro successo. A tutto cio’ si aggiungono i nuovi servizi, Sky Online e Sky On Demand, che abbiamo appena lanciato che portano a un nuovo livello le possibilita’ di scelta, flessibilità e controllo per i nostri clienti attuali e futuri. Non c’è mai stato un momento migliore per essere un cliente Sky “.

Brian Sullivan (foto sueddeutsche)

Brian Sullivan (foto sueddeutsche)

I ricavi per il primo trimestre fiscale sono aumentati del 10 per cento anno su anno, toccando i 431 milioni di euro. Il servizio ha registrato 96.000 nuovi abbonamenti nel trimestre, per un totale di 3,9 milioni. L’ ARPU e’ stabile intorno ai 34 euro mensili. 75.000 I nuovi utenti HD che sono 2,3 milioni. Gli utenti di Sky + sono aumentati di 105.000 unita’ raggiungendo 1,8 milioni. I collegamenti a Sky Go sono aumentati del 43 per cento anno su anno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti