Google si allea con Disney e apre le porte ad Apple

(ANSA) Walt Disney riesce nell’impresa di mettere insieme storici rivali come Apple e Google, almeno nel campo dei diritti per i contenuti digitali. I film a marchio Disney, Pixar e Marvel, già acquistabili su iTunes, ora arrivano anche sul Google Play Store, la piattaforma rivale dell’azienda di Mountain View. Grazie a questa mossa, le due realtà coesisteranno. Si potrà, ad esempio, acquistare un film da iPad e guardarlo sul tablet Nexus di Google, o viceversa. Per gli utenti, si traduce nel grande vantaggio di non perdere contenuti digitali già acquistati cambiando dispositivo. Tutto questo è possibile grazie al lancio da parte di Disney dell’app per Android ‘Disney Movie Anywhere’ con cui acquistare film; applicazione che fa il paio con quella per la piattaforma iOS di Apple, messa a disposizione nel febbraio scorso. Per i due rivali della Silicon Valley si tratta di una novità. Finora, infatti, Apple ha ristretto la possibilità di vedere film, show tv e altri contenuti venduti su iTunes solo ad iPhone, iPad e computer Mac o Windows. Simili restrizioni sono state applicate anche da Google sul suo negozio virtuale e sui dispositivi Android. Questa strategia – come osserva il Wall Street Journal – non trova però il favore degli ‘studios’ hollywoodiani, perché frena i consumatori nell’acquisto di film digitali. Il timore per gli utenti, infatti, è di perdere contenuti già comprati semplicemente cambiando dispositivo. La compatibilità delle due piattaforme, al contrario, consente di creare una collezione di titoli acquistati nel tempo con la tranquillità di mantenerli in futuro. (ANSA, 4 novembre 2014)

Robert Iger, ceo di Disney (foto Olycom)

Robert Iger, ceo di Disney (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi