Emilio Fede replica alla Stampa: “Non ho ricevuto lettere di licenziamento da Mediaset”

(ANSA)  ”Non ho ricevuto alcuna lettera di licenziamento da Mediaset, almeno fino a questa mattina”. Lo ha detto all’ANSA Emilio Fede, ex direttore del Tg4, a proposito di un articolo apparso su La Stampa che scrive del suo licenziamento definitivo da Mediaset. Secondo il quotidiano, al giornalista 83enne sarebbe stato anche chiesto di lasciare entro un mese l’appartamento di Milano 2 che gli ha messo a disposizione il gruppo televisivo. Tutta la storia sarebbe legata al presunto ricatto nei confronti dei vertici Mediaset per un falso fotomontaggio a luci rosse con oggetto il direttore generale dell’informazione del gruppo Mauro Crippa. ”Ho già chiarito e ripetuto che quella foto appena mi e’ arrivata tra le mani l’ho immediatamente consegnata a un’autorevole persona del gruppo Mediaset – ha detto Fede – quanto al resto sono solo illazioni: con Mediaset ho un contratto che scade a giugno e al momento per me è valido questo. Quanto alla casa, fa parte appunto di questo contratto, del resto sono stato direttore di Retequattro”. ”Non voglio invece neppure scendere a commentare i particolari sul pagamento di bollette luce, acqua gas e telefono – ha aggiunto – li considero al pari di volgari pettegolezzi”. (ANSA, 5 novembre 2014)

Emilio Fede (foto Olycom)

Emilio Fede (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi