Rcs: 60 milioni per Gazzetta Tv

(MF DJ) L’obiettivo dichiarato è sfidare la consolidata presenza sull’etere della Rai, di Mediaset sul digitale a pagamento, di Sky sul satellite e anche della rinata Sportitalia. Per questo motivo, si legge su MF, Rcs è pronta a mettere sul piatto 60 milioni di euro su base quinquennale: 8-9 milioni per i primi due anni di lancio del progetto Gazzetta Tv e 15 milioni annui per il triennio successivo.

Sempre che le cose vadano come previsto. Altrimenti, dopo un anno di lancio, il canale digitale gratuito verrà spento.
In Via Rizzoli, quindi, tutto è pronto per il debutto, sul canale 59, del progetto al quale lavorano da mesi il manager Francesco Carione (direttore della business unit della Gazzetta dello Sport), il direttore del quotidiano sportivo Andrea Monti e il responsabile editoriale del canale, Claudio Arrigoni. La redazione di Gazzetta Tv sarà composta da 12 giornalisti, assunti con contratti a tempo determinato. La nuova emittente sarà gestita dalla Digital Factory, controllata di Digicast, nella quale dovrebbero entrare alcuni partner commerciali e industriali come il gruppo De Agostini che al momento gestisce il canale di poker proprio sul tasto 59 e sul multiplex gestito da Persidera, la joint venture tra T.I.Media il Gruppo L’Espresso.

Non avendo acquisito diritti tv esclusivi – tra l’altro Rcs di recente ha perso il ruolo di advisor commerciale della Figc che aveva da otto anni a favore di Infront – il progetto non farà leva sugli eventi live ma sulle news, gli approfondimenti e sull’intrattenimento (dai documenti ai docu-reality), facendo affidamento anche sull’apporto della redazione del primo quotidiano sportivo italiano.(mf-dj 4 novembre 2014)

Andrea Monti (foto Olycom)

Andrea Monti (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi