Gruppo Espresso Digitale insieme a Innogest per le start-up digitali, investimento di 10 milioni in 5 anni

(ANSA) Gruppo Espresso – Divisione Digitale e Innogest SGR lanciano REinventures, accordo strategico nel settore del Venture Capital con l’obiettivo di finanziare e sviluppare start-up nel settore digitale. REinventures – spiega una nota – valorizzerà iniziative imprenditoriali innovative integrando, con un modello senza precedenti in Italia, l’esperienza di Innogest SGR, principale fondo di Venture Capital italiano, con le competenze editoriali e multimediali del Gruppo Espresso. REinventures metterà a disposizione delle start-up selezionate risorse finanziarie unitamente a visibilità media e competenze specifiche per lo sviluppo di prodotti e servizi digitali innovativi. Il know how digitale e la visibilità offerti dal Gruppo Espresso e dalle sue testate saranno decisivi nell’accelerazione della crescita delle start-up. Innogest SGR contribuirà inoltre alla creazione di occasioni di business per le start-up, a reperire capitali esteri e a sviluppare la squadra manageriale. Secondo Claudio Giuliano, Managing Partner di Innogest, “Assistere imprenditori nel passaggio da un’idea o da una piccola azienda verso una dimensione da player globale è un’impresa ardua. Fare accadere crescite straordinarie fuori da USA, Cina e pochi altri ecosistemi virtuosi al mondo è ancora più difficile. Occorrono capitali, competenza industriale, network di persone rilevanti. Se un primario gruppo come Espresso si mette in gioco con la forza delle proprie competenze oltre che della propria dimensione, e si allea con l’operatore italiano più rilevante nel panorama del venture capital, allora stiamo andando nella direzione di fornire a imprenditori e start-up le risorse adeguate per fare un percorso di eccellenza e competere nell’arena globale”. REinventures dispone di una prima dotazione di 10 milioni di euro da investire in cinque anni. La strategia d’investimento prevede l’individuazione di opportunità in settori diversificati e a diversi stadi di sviluppo, dall’ “early stage” al “late stage”. (ANSA, 6 novembre 2014)

Carlo De Benedetti, presidente del Gruppo Editoriale L'Espresso (foto Olycom)

Carlo De Benedetti, presidente del Gruppo Editoriale L’Espresso (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale