Comunicazione corporate, il 10 dicembre i risultati della ricerca Webranking Italy 2014

Il 10 dicembre sarà presentata a Milano la 13esima edizione della ricerca Webranking Italy 2014, che quest’anno presenta una interessante novità: una classifica parallela di alcune delle più importanti società italiane non quotate in Borsa.
La ricerca è condotta dalla società italiana di consulenza Lundquist – fondata e diretta da Joakim Lunquist – in collaborazione con la svedese Comprend, divisione digitale di Hallvarsson & Halvarsson, e misura la trasparenza ed efficacia della comunicazione corporate online.
Questo anno, come dicevamo, la ricerca è stato ampliata con una classifica parallela, che comprende le 40 società non quotate più importanti in Italia, come Barilla, Ferrovie dello Stato, Poste Italiane, Ferrero, Coop, Alitalia, Sky, Expo, Rai, Esselunga.
In questi giorni è partita anche la Lundquist Academy, una nuova iniziativa di Lundquist per l’aggiornamento e la specializzazione in comunicazione corporate digitale dei professionisti in azienda. La prima realizzazione della nuova accademia è il corso per corporate digital project enablers che si svolgerà nel periodo gennaio/maggio 2015. Il Corso si rivolge a figure mid e junior in azienda alle quali fornirà tutti gli strumenti necessari per gestire i progetti di comunicazione corporate digitale.
Tra i relatori esperti internazionali come Richard Binhammer, Katie Paine e Tobias Dennehy. Il corso è a numero chiuso (max 15 partecipanti) e si svolge in lingua inglese. Per informazioni: simona.ortelli@lundquist.it.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti