Vodafone investe 3,6 miliardi nel 4G e lancia lo spot con Fabio Volo

Vodafone ha deciso di investire 3,6 miliardi di euro nello sviluppo delle proprie reti in Italia e per portare il 4G al 90% della popolazione entro il 2016. Per comunicare la centralità della rete nelle sue strategie, la compagnia telefonica lancia domenica 9 novembre un nuovo spot dedicato alla velocità e ai vantaggi del 4G.

Fabio Volo è ancora una volta la voce scelta per narrare le vicende di persone impegnate nella loro quotidianità, ma tutte accomunate dall’impazienza per il prolungarsi di un’attesa: per un’imminente nascita, per scoprire il contenuto di un pacco regalo, per tuffarsi con gli amici da una scogliera.

“La nuova campagna non è un cambio di format, quanto un cambio di strategia nella comunicazione di Vodafone Italia”, commenta Nicola Novellone, Head of Brand&Advertising di Vodafone Italia. “L’obiettivo è quello di avvicinare il marchio Vodafone alle persone, mettendo in luce quello che l’azienda può fare per migliorare la loro vita quotidiana. Anche per questo abbiamo scelto di non affidarci a un testimonial, ma a uno story-teller come Fabio Volo”.

La campagna, che oltre in tv, sarà declinata su web, affissioni e punti vendita, ed è stata curata dalle agenzie del Red Team Wpp: Grey United, Young&Rubicam e Jwt.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata