Vodafone investe 3,6 miliardi nel 4G e lancia lo spot con Fabio Volo

Vodafone ha deciso di investire 3,6 miliardi di euro nello sviluppo delle proprie reti in Italia e per portare il 4G al 90% della popolazione entro il 2016. Per comunicare la centralità della rete nelle sue strategie, la compagnia telefonica lancia domenica 9 novembre un nuovo spot dedicato alla velocità e ai vantaggi del 4G.

Fabio Volo è ancora una volta la voce scelta per narrare le vicende di persone impegnate nella loro quotidianità, ma tutte accomunate dall’impazienza per il prolungarsi di un’attesa: per un’imminente nascita, per scoprire il contenuto di un pacco regalo, per tuffarsi con gli amici da una scogliera.

“La nuova campagna non è un cambio di format, quanto un cambio di strategia nella comunicazione di Vodafone Italia”, commenta Nicola Novellone, Head of Brand&Advertising di Vodafone Italia. “L’obiettivo è quello di avvicinare il marchio Vodafone alle persone, mettendo in luce quello che l’azienda può fare per migliorare la loro vita quotidiana. Anche per questo abbiamo scelto di non affidarci a un testimonial, ma a uno story-teller come Fabio Volo”.

La campagna, che oltre in tv, sarà declinata su web, affissioni e punti vendita, ed è stata curata dalle agenzie del Red Team Wpp: Grey United, Young&Rubicam e Jwt.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive