Al via domenica la nuova campagna di Banca Mediolanum. Testimonial Massimo Doris

Partirà domenica 9 novembre la nuova campagna di Banca Mediolanum. E’ la seconda con protagonista Massimo Doris, amministratore delegato della banca che ha preso il testimone dal padre Ennio, fondatore e presidente dell’istituto.

“La prima, quest’estate, ha avuto un ottimo ricordo e un’eccellente percezione da parte del pubblico che ha capito il nostro modello di banca innovativa”, dichiara a Prima Gianni Rovelli, responsabile comunicazione e marketing commerciale di Banca Mediolanum. “Secondo un’indagine che abbiamo commissionato, la campagna ha aumentato la considerazione di Banca Mediolanum di 10 punti percentuali. Oltretutto, anche in comunicazione, come era già successo riguardo al gruppo, il cambio generazionale è stato colto in senso positivo, a differenza di quanto successo in altre importanti realtà”.

Slogan della campagna – che viene pianificata in televisione (su tutte le maggiori reti e i canali tematici), Internet, radio, affissioni, stampa – è:  ‘La tua vita cambia. La tua banca cambia con te’. “Ciò significa”, spiega Rovelli, “che fin dalle sue prime scelte finanziarie affianchiamo il cliente rispondendo alle sue esigenze di vita più importanti. Per questo in uno spot di 40 secondi illustriamo la completezza della nostra offerta: dal conto corrente a canale zero alla carta di credito con foto per accrescere la sicurezza, dai mutui alla previdenza e alla protezione. Con la presenza costante dei family banker che affiancano nelle scelte di investimento”.

Il backstage della campagna girata a Barcellona

Il backstage della campagna girata a Barcellona

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…