Ricerca sulle condizioni dei lavoratori precari di radio e tv: la presentano l’Associazione Bruno Trentin e Slc Cgil

‘Stai in Onda’ è il titolo della ricerca che l’Associazione Bruno Trentin ha realizzato su scala nazionale per conto del Sindacato dei Lavoratori della Comunicazione. Il questionario online ha coinvolto oltre 500 lavoratori ‘atipici’ del settore, che hanno risposto a 61 domande sulle proprie condizioni di lavoro.

Susanna Camusso (foto Olycom)

Susanna Camusso (foto Olycom)

L’indagine verrà presentata martedì 11 novembre alle ore 9.30 presso la Cgil nazionale a Roma. E’ previsto un intervento di Susanna Camusso e una conclusione di Serena Sorrentino (segretaria confederale Cgil).

La ricerca sarà illustrata da Daniele Di Nunzio ed Emanuele Toscano dell’Associazione Bruno Trentin e fotografa il lavoro precario e atipico in questo particolare settore lavorativo, composto da oltre 23.000 lavoratori: il 68% del campione è costituito da uomini, per la maggior parte tecnici operatori; il 46% ha un’età compresa tra 31 e 40 anni, il 26% tra i 41 e i 50 anni. Le tipologie contrattuali applicate discontinue e a termine riguardano i lavoratori di tutte le fasce d’età e tutte le aree di attività.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo