Alfonso Signorini chiede scusa per il servizio di ‘Chi’ pesantemente allusivo nei confronti della ministra Madia: Gran brutto titolo (VIDEO)

Il direttore di Chi è andato da Fabio Fazio a Che tempo che fa per commentare il servizio di Chi sulla ministra intitolato “Ci sa fare col gelato”

Alfonso Signorini si scusa in tv per il titolo sulla Madia: “Non posso difendere l’indifendibile, era un gran brutto titolo”, ha detto a Fabio Fazio, che durante la trasmissione Che fuori tempo che fa su Rai 3 gli chiede spiegazioni sul servizio del suo settimanale Chi.
Signorini era stato investito dalle polemiche dopo la pubblicazione su Chi di un servizio fotografico del ministro Marianna Madia che mangia un gelato con il titolo fortemente allusivo: “Ci sa fare col gelato“.

Alfonso Signorini (foto Ansa)

Alfonso Signorini (foto Ansa)

“In questi giorni – continua il direttore di Chi – ho avuto modo di riflettere, ho sentito tanti commenti: “Osceno, sessista”. Il mio intento era lontano da qualsiasi intenzione di offendere. Il linguaggio del gossip è irriverente. Io volevo e credevo di divertire ma dal divertimento al titolo sbagliato ce ne passa”.
“Se ho offeso qualcuno – conclude – sono pronto a chiedere scusa, alle donne e a chi si è sentito offeso da mio servizio”.

 http://www.blitzquotidiano.it/blitztv/alfonso-signorini-scuse-per-gelato-marianna-madia-gran-brutto-titolo-video-2016042/

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Traffico ancora elevato per i siti di informazione, ma in calo rispetto a un mese fa. Classifica della prima settimana di maggio secondo Audiweb Week

Traffico ancora elevato per i siti di informazione, ma in calo rispetto a un mese fa. Classifica della prima settimana di maggio secondo Audiweb Week

Carlo Verdelli torna al Corriere della Sera come editorialista

Carlo Verdelli torna al Corriere della Sera come editorialista

Lodo Via Solferino, la Camera arbitrale ha deciso: valida la vendita, ma è possibile un risarcimento per Rcs

Lodo Via Solferino, la Camera arbitrale ha deciso: valida la vendita, ma è possibile un risarcimento per Rcs