“Rischio malintesi con la presenza di Luxuria”: Brunelli spiega la marcia indietro di Tv2000

Condividi

(ANSA) La presenza di Vladimir Luxuria stasera a Tv2000 “rischiava di prestarsi a malintesi o strumentalizzazioni” perché, in concomitanza con l’assemblea della Cei, si sarebbe collocata proprio “nel momento in cui i vescovi tornavano ad esprimersi con molta nettezza sui più delicati temi della famiglia”. Lo spiega Lucio Brunelli, direttore delle News dell’emittente dei vescovi. “Personalmente sono convinto che se un cristiano è tranquillo nella sua identità – scrive Brunelli in un post su Facebook – può dialogare con tutti. Dialogare ovviamente non significa concordare con le opinioni del proprio interlocutore. Ma confrontarsi in modo rispettoso e fermo con chiunque. Per questo, alcune settimane fa quando uno dei conduttori di “Tgtg” mi ha chiesto se poteva inserire Luxuria nella lista degli ospiti da intervistare non ho avuto obiezioni, a parte la consueta chiarezza delle nostre posizioni. Che per noi sono gli insegnamenti della Chiesa. Nella coscienza che ‘separarsi per non sporcarsi con gli altri è la peggiore sporcizia’”, dice Brunelli ricordando le parole del Papa di ieri che citava in questo Tolstoj. “Non mi ero reso conto però – spiega ancora Brunelli di Tv2000 – che l’invito sarebbe caduto proprio nella settimana in cui ad Assisi è riunita la Conferenza episcopale italiana. Nel momento in cui i vescovi tornavano ad esprimersi con molta nettezza sui più delicati temi della famiglia, la sua presenza rischiava di prestarsi a malintesi o strumentalizzazioni”. Brunelli segnala anche “molti commenti” all’annuncio della presenza di Luxuria a Tv2000. E allora “anche per tenere conto della sensibilità del nostro pubblico, abbiamo concordato di rinviare la partecipazione di Luxuria”. (ANSA, 11 novembre 2014)

Lucio Brunelli
Lucio Brunelli