‘Le ragazze Possono’ premiato alla Smart City Exhibition

Il progetto ‘Le ragazze Possono’ è stato premiato alla Smart City Exhibition per la sua capacità di uso delle tecnologie nella direzione dell’inclusione e delle pari opportunità.

Il progetto ha lo scopo di incoraggiare e sostenere la scelta delle ragazze in direzione dei percorsi formativi Stem, acronimo inglese che sta per Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica, informando sui percorsi di carriera, mostrando modelli positivi e cercando di sconfiggere lo stereotipo che vuole maschili queste professioni.

Una campagna di comunicazione è stata rivolta alle ragazze iscritte alle scuole secondarie milanesi, mentre in questi mesi – il prossimo appuntamento è fissato per il 25 novembre – le studentesse iscritte a discipline Stem vengono coinvolte nel ciclo di incontri ‘breakfast @polimi’, presso il Politecnico di Milano, dove sono invitate a raccontare la loro esperienza donne in settori tecnici o attente al genere nella rappresentanza.

Il progetto è stato promosso da Aidia, associazione Italiana donne ingegneri e architetti dal Politecnico di Milano, dalla Fondazione Politecnico di Milano, da Ingegneria Senza Frontiere – Milano, dall’Associazione Donne e Tecnologie, Freedata ed è stato realizzato nell’ambito dell’iniziativa regionale da ‘Progettare la Parità in Lombardia – 2014’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager