Boschi: “Aumenteremo il fondo per l’indennizzo delle emittenti locali”

(ANSA) Il governo intende aumentare il fondo già predisposto per l’indennizzo delle emittenti locali che dovranno liberare le frequenze oggetto di interferenze con i Paesi confinanti: lo ha annunciato il ministro per le Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, rispondendo durante il question time a Montecitorio a un’interrogazione di Davide Caparini (Lega Nord) rivolta al ministero dello Sviluppo economico. “La legge – ha ricordato Boschi – prevede che l’Agcom escluda dalla pianificazione delle frequenze per il digitale terrestre quelle già assegnate ad altri Paesi, pur utilizzate da operatori italiani, per evitare i rischi di procedure di infrazione da parte dell’Europa. Sappiamo questo accade in Italia nelle zone di confine: Francia, Slovenia, Croazia e Malta hanno segnalato il problema. Per porvi rimedio, è prevista la liberazione delle frequenze in base a criteri concordati con gli operatori del settore: dal 6 novembre sul sito del ministero dello Sviluppo economico è stata attivata una consultazione pubblica per individuare le modalità, a fronte di un indennizzo economico per gli operatori, per il quale è già stato predisposto un fondo ed è previsto un intervento normativo per aumentarlo”. (ANSA, 12 novembre 2014)

Maria Elena Boschi (foto Olycom)

Maria Elena Boschi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi