Mondadori riduce la perdita a 7,5 milioni, ricavi a -4,8%

Mondadori chiude i primi nove mesi dell’anno con ricavi consolidati a 859,6 milioni di euro, in riduzione del 4,8% considerando il conferimento delle attività di raccolta pubblicitaria della concessionaria a Mediamond, avvenuto nel mese di gennaio 2014 (-7,7% rispetto ai 931,2 milioni di euro al 30 settembre 2013). La perdita si riduce a 7,5 milioni rispetto al rosso di 32,3 milioni di euro dello stesso periodo del 2013. Il Mol è a 36 milioni, in miglioramento rispetto agli 8,9 mln del 30 settembre 2013. Lo comunica il gruppo editoriale in una nota.

In relazione all’evoluzione prevedibile della gestione Mondadori indica che, per l’intero esercizio 2014, è ragionevole confermare la previsione di un margine operativo lordo del Gruppo superiore a quello dell’esercizio 2012, oltre che di un risultato netto consolidato in sostanziale pareggio. Inoltre la posizione finanziaria netta, in linea con l’evoluzione registrata nei primi nove mesi dell’anno, è attesa in significativo miglioramento rispetto al 2013. Per quanto riguarda il mercato Mondadori evidenzia che i settori in cui opera il Gruppo hanno cominciato a registrare, in Italia e in Francia, flessioni progressivamente meno accentuate rispetto ai periodi precedenti.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa con tutti i dati Mondadori al 30 settembre 2014 (.pdf)

Marina Berlusconi (foto Olycom)

Marina Berlusconi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Agcom, ammissibile il progetto FiberCop (Tim); ora approfondimenti

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Poco spazio nel mondo dei video online. A soli 6 mesi dal lancio, chiude il servizio streaming Quibi

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale

Rai, Barachini scrive a Gualtieri e Salini per sollecitare un’audizione su conti e piano industriale