A BuzzMyVideos 2,5 milioni di dollari di finanziamento da United Ventures

BuzzMyVideos, network internazionale di videomaker su YouTube, ha ottenuto un finanziamento di 2,5 milioni di dollari da parte di United Ventures, la società di venture capital di Massimiliano Magrini e Paolo Gesess.

Fondato a Londra nel 2011 dall’ex manager di YouTube Paola Marinone, cui si è unita Bengu Atamer (anche lei ex YouTube), BuzzMyVideos si è rapidamente affermato tra la nuova generazione di video star di YouTube, a cui offre servizi e tecnologie per favorire la crescita dell’audience e la monetizzazione dei contenuti prodotti. 

Paola Marinone, cofondatrice e ceo di BuzzMyVideos


Oggi BuzzMyVideos conta più di 5mila ‘youtuber’ tra cui mille italiani, e genera quasi 3 miliardi di visualizzazioni grazie ai 15 milioni di iscritti ai canali dei content creator partner.
L’iniezione di capitali da parte di United Ventures servirà a finanziare la crescita internazionale di BuzzMyVideos, oltre che a migliorare ulteriormente gli strumenti tecnologici a disposizione dei creatori di contenuto e ad ampliare le opportunità di collaborazione con editori e brand partner.

Massimiliano Magrini, cofondatore e managing director di United Ventures

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa