L’Italia è sempre in coda nella banda larga ma sta recuperando: lo dice uno studio dell’I-com

L’Italia è sempre in fondo alla classifica europea per diffusione della banda larga ma sta facendo passi avanti e forse in qualche anno riuscirà a recuperare il tempo perduto.
La conferma arriva dall’I-Com Broadband Index (Ibi), l’indice dello sviluppo della banda larga in Europa elaborata dall’Istituto per la competitività guidato dall’economista Stefano da Empoli.

Stefano da Empoli, presidente dell’I-com, Istituto per la competitività


La ricerca è stata presentata il 19 novembre a Roma nell’ambito del convegno ‘Banda larga e tv, l’unione fa la forza?’ organizzato dall’I-com e a cui hanno partecipato gli operatori del mercato delle telecomunicazioni e delle tv e rappresentanti delle istituzioni.
I primi tre posti nella classifica dell’I-com sono occupati da Svezia, Finlandia e Olanda, che si distinguono in particolare per velocità delle connessioni e penetrazione della banda larga mobile.
Molto dinamici anche i 15 Paesi successivi: dalla Germania all’Ungheria, passando per Spagna, Francia e Austria, è in atto un fenomeno di grande slancio verso l’innovazione delle infrastrutture e dei servizi.
L’Italia, pur rimanendo ancorata alla coda della classifica (in terz’ultima posizione, prima di Grecia e Cipro), registra un forte progresso rispetto al 2012, passando da un valore Ibi di 42,4 al 49,1 del 2013. Alla base di questo miglioramento è la crescita del numero di abitazioni connesse alla broadband, passate dal 55% del 2012 al 68% del 2013.
Quella italiana è stata la performance migliore a livello europeo. Tra le regioni, l’Emilia Romagna ha la percentuale più alta di abitazioni connesse alla broadband (il 75%), seguita dalla Provincia di Bolzano e dal Veneto (74%) e dall’Umbria (73%).
Nel corso del convegno romano sono state anche approfondite le dinamiche di un mercato nuovo, quello delle tv connesse a Internet. In Italia, malgrado la crisi, ne sono state vendute 1,2 milioni nel 2013. Il punto però è che i consumatori comprano la tecnologia ma non la usano: solo l’8% degli apparecchi viene effettivamente usato per fruire di contenuti online.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 giugno </strong> Gli Azzurrini perdono con la Polonia ma battono la D’Urso

19 giugno Gli Azzurrini perdono con la Polonia ma battono la D’Urso

Disney per battere Netflix punta sulla streaming tv Disney+ e sui parchi giochi Star Wars Land

Disney per battere Netflix punta sulla streaming tv Disney+ e sui parchi giochi Star Wars Land

YouTube sotto indagine in America per i video per bambini: nel mirino contenuti e pratiche commerciali

YouTube sotto indagine in America per i video per bambini: nel mirino contenuti e pratiche commerciali