L’ex direttore e fondatore del Mundo, Pedro Ramirez, si rivolge al tribunale e i suoi fan lanciano un appello

Questa mattina l’ex direttore e fondatore del Mundo, Pedro J. Ramirez, ha presentato in tribunale una richiesta di “‘misure cautelari urgenti’ perché #unadelledue (#unadedos): possa tornare a scrivere sul Mundo oppure possa farlo su un altro media”.

Come anticipato ieri da Primaonline.it, Ramirez aveva annunciato il suo proposito di rivolgersi alla magistratura dopo che Casimiro Garcìa-Abadillo, direttore del Mundo dal 2 febbraio, ha sospeso il suo intervento domenicale sul quotidiano spagnolo edito da Unidad Editorial, la controllata da Rcs MediaGroup . Ramirez, essendo legato per due anni da un patto di non concorrenza, non può scrivere per nessun altro media.

Intanto, in solidarietà al fondatore e ex direttore di El Mundo su www.change.org è apparsa un appello in cui si chiede: “A parte le ideologie politiche, è vergognoso che Pedro J. Ramirez non possa scrivere in nessun giornale pur essendo uno degli artefici della libertà di stampa in Spagna). Se sei democratico, anche solo per coerenza, dovresti firmare questa petizione”.

Pedro Ramirez (foto Cuartopoder)

Pedro Ramirez (foto Cuartopoder)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato