La piccola e media editoria ha perso il 21,5% degli addetti nel 2013

(ANSA) In un solo anno, nel 2013 la piccola e media editoria ha perso il 21,5% dei suoi addetti, con cali anche nei cataloghi. E il 2014 non si preannuncia migliore. A lanciare l’allarme è Enrico Iacometti, presidente del comitato promotore di Più libri più liberi, la Fiera internazionale della piccola e media editoria che dal 4 all’8 dicembre torna a Roma con la sua 13/a edizione. “La crisi – racconta Iacometti – ha colpito tutta la filiera, a partire dalle librerie fino agli editori”. Il dato più preoccupante è proprio quel calo occupazionale che, secondo le stime raccolte dall’Aie-Associazione Italiana Editori, ha visto scendere il numero degli addetti alla piccola e media editoria, collaboratori e consulenti esclusi ma proprietari compresi, dai 7.291 del 2012 ai 5.722 del 2013. Il tutto per un settore che da solo incide del 9,5% sul valore complessivo del mercato e raccoglie in catalogo il 19% dei titoli librari in commercio nel in Italia. Ridotto, anche se di poco, pure il numero dei piccoli e medi editori, che scendono a 4.769 (-1,9%), e assottigliati i cataloghi (-1,6% il numero degli editori con 2-10 titoli pubblicati nell’anno; -2,9% quelli con 11-20; e del -1,9% quelli con 21-50), per un totale di 31.618 titoli pubblicati nel 2013 tra novità e ristampe, che sono il 7,1% in meno dell’anno prima. Anche tra i ‘piccoli’, però, è boom per gli ebook con ben 1.356 diversi libri editi (solo nel 2010 erano appena 350) con un’impennata del +40,8%. “Il primo passo – commenta Iacometti – è il calo dei lavoratori, il secondo quale sarà, la diminuzione delle aziende? E non è che i numeri del 2014 siano migliori. Troppo spesso – prosegue – si aiuta l’editoria pensando sempre e solo ai giornali, ma l’editoria è fatta anche dei ‘piccoli’. Prima avevamo qualche agevolazione, come il rimborso del 10% sulla carta come credito d’imposta. O i contributi della Camera di Commercio per andare alle fiere all’estero. Ma è scomparso tutto. Ora attendiamo fiduciosi la nuova legge. Bisogna però iniziare a pensare che gli editori producono cultura ma sono anche imprenditori”. (ANSA, 19 novembre 2014)

Enrico Iacometti (foto Flickr)

Enrico Iacometti (foto Flickr)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Facebook, critiche di manager e dipendenti a Zuckerberg: non fa nulla contro Trump. Lui si difende: decisione dura

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante

Lavazza lancia un docufilm dal contenuto sociale. Giorda: una storia di rinascita e speranza; commerce adv sempre più importante

Premier League verso la ripresa. Sulla Bbc per la prima volta 4 match live in chiaro

Premier League verso la ripresa. Sulla Bbc per la prima volta 4 match live in chiaro