I 7 maggiori gruppi editoriali italiani perdono il 27,7% dei ricavi in 5 anni. Ecco il report Mediobanca (DOCUMENTO)

Nel quinquennio 2009-2013 i ricavi aggregati dei sette maggiori gruppi editoriali italiani (Rcs, Espresso, Mondadori, Monrif, Caltagirone, La Stampa, Il Sole 24 Ore) hanno segnato una flessione del 27,7%, ovvero dai 5,8 miliardi del 2009 ai 4,2 miliardi del 2013. In dettaglio le riduzioni hanno riguardato la raccolta pubblicitaria (-31,3%), la diffusione (-29%) e i ricavi accessori (-16,7%). A dirlo è il report 2014 di Mediobanca.

Il regresso più consistente ha colpito Rcs (-40,4%), su cui ha pesato anche la cessione del gruppo francese Flammarion nel settembre 2012 (oltre 200 milioni di euro il suo giro d’affari); gli altri Gruppi hanno perduto quote di fatturato che oscillano tra il 29% di Caltagirone ed il 17% della Mondadori che ha segnato il calo più contenuto. Il fatturato del 2013 di Mondadori si è attestato a 1276 milioni, su livelli ormai prossimi a quelli di Rcs (1315 milioni) che resta con piccolo margine il maggiore gruppo editoriale italiano. Si ricorda che Mondadori è l’unico dei sette gruppi esaminati focalizzato esclusivamente sui periodici (non edita quotidiani), settore ove si colloca al primo posto in Italia con una quota di mercato a copie del 38% nel 2013 (34% nel 2009).

Clicca qui per scaricare il report integrale di Mediobanca (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Nel 2023 la svolta per i giornali, con adv digital che superera quella su carta. PwC: con Covid ricavi in calo drastico per i media; ripresa in 5 anni

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme