Il Codacons al Tar in difesa del taglio di 150 milioni: “Il ricorso del Cda Rai è vergognoso”

(ANSA) Il Codacons interverrà al Tar del Lazio contro il ricorso deciso ieri dal Cda della Rai volto a bloccare il taglio da 150 milioni di euro al trasferimento delle risorse da canone, deciso dal governo con il decreto Irpef. “Si tratta di un ricorso vergognoso – spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – In un momento di grave crisi per il Paese in cui vengono richiesti sforzi a tutte le categorie, la Rai tenta di sottrarsi ai propri doveri verso la collettività e difendere i propri privilegi. Il taglio deciso dal Governo è sacrosanto e atteso da anni dagli utenti, dopo i numerosi casi di sprechi e di gestione errata delle risorse pubbliche”. Su quest’ultimo punto, per il Codacons “la Rai farebbe bene a rivedere la propria gestione, eliminando gli sprechi, riducendo i maxi-cachet a conduttori e vip e limitando il ricorso a società di produzione esterne”. Oltre alla decisione di intervenire in difesa del governo e del tagli, l’associazione, in una nota, comunica la volontà di chiedere al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan “di rimuovere con effetto immediato dal CdA Rai il suo rappresentante, che inopportunamente ha votato in favore del ricorso e contro il Governo, socio di maggioranza Rai”. (ANSA, 20 novembre 2014)

Carlo Rienzi (foto Olycom)

Carlo Rienzi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi