Allarme della Polizia Postale: 300 casi di cyberbullismo nel 2014, il doppio rispetto al 2013

Sono 300 i casi di cyberbullismo segnalati alla Polizia Postale e delle Comunicazioni nel 2014, il doppio dell’anno precedente, 30 i minorenni denunciati all’Autorità Giudiziaria per aver diffuso immagini pedopornografiche sul web, 419 persone denunciate e 37 arrestate per aver cercato, detenuto, scambiato in rete immagini di abusi sessuali su minori, 1745 i siti pedopornografici oscurati e inseriti nella black list, 18.450 i siti monitorati nel 2014: questi sono i numeri che descrivono la faccia oscura del web in Italia. Domani presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma, è previsto un evento con cui la polizia postale e delle comunicazioni coglie l’opportunità offerta dal semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea per condividere con i partner del pubblico e del privato sociale, italiani ed internazionali, istituzionali ed aziendali, una riflessione comune sulle migliori strategie congiunte di protezione dei minori on-line. All’evento, alla presenza del vice capo vicario della Polizia di Stato, prefetto Alessandro Marangoni, del direttore centrale per la polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i Reparti Speciali, Roberto Sgalla e del direttore del servizio polizia postale e delle Comunicazioni, Antonio Apruzzese, partecipano l’Autorità Nazionale Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, E.N.O.C.- European Network Homebudsmann Child, la senatrice Elena Ferrara, la professoressa Maria Rita Parsi per il Comitato ONU sui Diritti del fanciullo, rappresentanti del Miur, i network europei Inhope e Insafe, Interpol, Europol, Save Children Italia, sos il Telefono Azzurro, I.C.T. Coalition, Facebook, Google e altre ong e network internazionali di tutela dei minori.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 giugno </strong> Gli Azzurrini perdono con la Polonia ma battono la D’Urso

19 giugno Gli Azzurrini perdono con la Polonia ma battono la D’Urso

Disney per battere Netflix punta sulla streaming tv Disney+ e sui parchi giochi Star Wars Land

Disney per battere Netflix punta sulla streaming tv Disney+ e sui parchi giochi Star Wars Land

YouTube sotto indagine in America per i video per bambini: nel mirino contenuti e pratiche commerciali

YouTube sotto indagine in America per i video per bambini: nel mirino contenuti e pratiche commerciali